Jamie XX – In Colour (Mucchio Selvaggio)

Si potrebbe parlare del debutto da solista di Jamie xx senza tirare in ballo gli xx. Se non fosse che oltre a fare capolino nel disco in qualità di vocalist, pare che Romy e Oliver abbiano tentato di convincerlo a mettere da parte il materiale registrato insieme per il prossimo lavoro deli xx. Jamie ha invece preferito rimescolare le carte. La loro presenza in questo attesissimo disco mette ancora più in risalto la sua volontà di integrare l’intimismo indietronico degli xx nella sua personale impresa da “giovane storico” della club culture anglosassone. Jamie esplora nostalgicamente rave di prima ondata, techno, acid house e dubstep, ma al di là del citazionismo, dell’uso moderato di sample per forgiare i suoi breakbeat o dell’occasionale collaborazione con grandi nomi underground come Young Thug e Popcaan (I Know There’s Gonna Be Good Times sfocia in territorio dancehall), In Colour suona più come un diario di viaggio che un album compilativo. Nel complesso affascina proprio perché intimismo ed euforia si incontrano a metà strada.

Oltre a riconfermare il talento di Jamie come produttore, In Colour porterà senza dubbio gli xx ad aggiornare la loro formula al prossimo giro. Nell’ottima SeeSaw la voce di Romy è garbatamente offuscata da un ibrido di drum machine e microbeat in ascesa: messi da parte gli ammiccamenti melodrammatici, l’influenza di Orbital ed Everything But The Girl si sente qui più da vicino. Loud Places, sempre con Romy, e Stranger In A Room, con Oliver, confermano l’impressione di una nuova sintesi in divenire. Persino pezzi incalzanti come Gosh e il notturno Hold Tight travolgono sul dancefloor, ma lasciando spazio a meticolosi climax e una dose d’introspezione. In Gosh Jamie utilizza il sample di un pilot della BBC sulla jungle mai andato in onda richiamando la ritualità rave degli anni 90, ma oltre la metà del brano preferisce tastiere vintage che ricordano vagamente la melodia portante di Dream Baby Dream. Tutti quei colori alludono ancora al nero, in fin dei conti.

Vote: 7.5

Published on Il Mucchio Selvaggio June 2015 (print and digital)

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s