Sampha – Process (Mucchio Selvaggio)

Ai tempi di MySpace Sampha componeva beats destinati al grime. Le sue tracce venivano costantemente rifiutate dagli MC londinesi, che le consideravano troppo caotiche e affollate per ospitare le loro rime. Oggi riesce difficile crederci, considerato il talento di Sampha nel pensare gli arrangiamenti per grandi vocalist come Solange, FKA twigs e Jessie Ware. Il passaggio alle rotondità dell’RnB ha senza dubbio giovato a Sampha, che dal primo EP prevalentemente strumentale Sundanza (2010) a Process sembra essere giunto al debutto pressoché perfetto. L’RnB di Sampha è meno futuristico di quanto ci si aspetterebbe da casa Young Turks, il suo approccio più vicino al neosoul o alle vulnerabilità di D’Angelo che alle spigolosità delle nuove leve dell’RnB che a tanti piace a definire “alternative”. La sua voce impenna per poi minacciare di spezzarsi al termine di ogni frase, dando un effetto volutamente drammatico, finanche tragico ai suoi brani inequivocabilmente autobiografici. La scomparsa della madre, di cui si è preso cura durante la registrazione del disco, fornisce un appiglio tematico costante. (No One Knows Me) Like The Piano, su tutte, echeggia i pomeriggi passati al piano nella residenza materna (“You would show me I have something, some people call a soul, canta). Eppure in Process, tra metafore e autoriflessioni a cuore aperto, Sampha non si limita a metabolizzare perdite e memorie, ma sembra pronto ad affrontare i suoi demoni a testa alta. Si scioglie come plastica tra le tante memorie di vita quotidiana di Plastic 100°C, una danza per beat e arpa, ma in brani come l’affannosa Blood On Me o la pseudo-dubstep di Kora Sings, sembra più che pronto a reagire. Nel singolo Timmy’s Prayer, cui apparentemente ha contributo lo stesso Kanye, e nella beatifica Incomplete Kisses approda finanche a una leggerezza pop da crooner ammaliatore. Un piatto ricco, senza dubbio. Si sente giusto la mancanza di qualche suggestione più scarna, come la  Can’t Get Close dall’EP Dual.

Vote: 7.5

Published on Il Mucchio Selvaggio n. 751 / February 2017 (print and digital).

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s